WIR 2016 IBR Padova

wir

Con l’arrivo della stagione invernale come di consueto ci ritroviamo per uno dei due appuntamenti internazionali organizzati all’IBR-Padova indoor track.
L’evento in oggetto è il Winter Indoor Race 2016 al quale abbiamo partecipato con la mp9 TKI4 nella categoria NITRO-PRO e con la MP9 TKI4E nella categoria brushless. Alla gara partecipano i migliori piloti italiani ed una ottima selezione di piloti internazionali del calibro di Elliot Boots, Ty Tessmann, Robert Battle, Reno Savoya, Joao Figuereido, Darren Bloomfield, e tanti altri TOP drivers europei.

GIOVEDI (Prove libere)

L’impianto IBR non ha bisogno di presentazioni, è qualcosa di unico nel suo genere, e come ogni anno nella stagione invernale ospita tutti i big per i loro test, Ci sono piloti che girano costantemente sul tracciato domenica dopo domenica, conoscendo e sviluppando la conoscenza del proprio materiale e la pratica di guida per incrementare oltre modo la prestazione come sappiamo il fondo IBR è un fondo atipico, e necessita di una preparazione un po’ diversa rispetto alle altre piste quindi girarci tanto fà molta differenza, io però ho sulle spalle soltanto una giornata di prove in quanto gli impegni non mi hanno permesso di testare come gli altri piloti. Il programma di gara del giovedi prevede soltanto free practice per la categoria PRO-NITRO, Quindi ho la possibilità di testare bene la macchina e sviluppare un buon setup che mi permetta di tentare di compensare per quanto possibile il gap di preparazione rispetto agli altri piloti.

epwir

Per semplificare quanto più possibile i test e cercare di capire al meglio il setup della macchina più performante ho deciso di utilizzare soltanto gomme TYPO ed HANDLEBAR, con cerchio standard e riempimento standard, in modo da lavorare soltanto sul setup della macchina, nel pomeriggio, i tempi erano abbastanza soddisfacenti ed il setup era performante, mi permetteva di sbagliare poco e di girare con un buon passo di gara.

VENERDI (Prove controllate – Qualifica1  – Qualifica 2)

La mattina del venerdi era prevista una prova libera controllata per il reseeding di entrambe le categorie basata sui 3 giri migliori consecutivi, Con il buggy scoppio riusciamo a chiudere in decima posizione partendo dalla prima manche con i piloti più veloci. nella categoria brushless era invece il primo giorno di prove ed appena messa giù la mp9e tki4 con un setup standard, risulta essere molto competitivo sui 3 giri consecutivi permettendomi di centrare la top10 anche in questa categoria.

wir2

Qualifica1: La prima qualifica con l’elettrico purtroppo siamo costretti ad abbandonarla al secondo giro a causa del motore che si è allentato improvvisamente. Con lo scoppio invece dopo aver messo a posto tutto il setup ed ottimizzato la gomma riusciamo a chiudere una batteria che senza 2 errori sarebbe stata una quarta posizione assoluta, con un best lap di 39,6 a pochissimi decimi dai più veloci. Purtroppo gli errori ci sono costati cari, ma abbiamo ottime prospettive per le manche successive.

Qualifica 2: Nella seconda qualifica Brushless chiudo in 15° posizione, complice un motore realmente difficile da gestire ed una eccessiva prudenza conoscendo il fatto che con sole 2 qualifiche ancora disponibili non avrei più potuto sbagliare. Nello scoppio invece la qualifica finisce bene e riesco a centrare un ottimo 5° tempo assoluto.

SABATO (Qualifica3 – Finali Brushless)

Qualifica 3: Nella 3° qualifica dell’elettrico riesco a centraer un 10° posto facendo una manche abbastanza prudente ma lamentando ancora troppa irruenza nell’erogazione della potenza da parte del nostro Castle 2200kv, con lo scoppio chiudiamo al 10° posto generale a causa di una piccola incomprensione con Marco baruffolo che mi fà perdere un paio di secondi e due preziosissimi punti.
Al termine delle qualifiche nella categoria PRO-NITRO riusciamo a centrare la finale diretta chiudendo al 9° posto mentre nella categoria EP ci siamo qualificati per la finale B ma abbiamo la speranza del bump-up.

wir1

Finale Brushless B: Le speranze di chiudere nei primi 4 di questa finale per poter accedere alla finale A del giorno successivo si spengono pochi metri dopo il traguardo in quanto un contatto alla prima curva ci catapulta in ultima posizione ed in una finale da solo 10 minuti è molto complesso riuscire a risalire senza intoppi visto anche il livello degli avversari. Ad ogni modo ci lanciamo all’inseguimento e dopo varie peripezie date da altri contatti illeciti e qualche errore incredibilmente all’ultimo minuto di gara ci troviamo in 5° posizione a 3 secondi dal 4° Decido quindi di continuare a tirare il più possibile ma commetto un errore che mi riporta in settima posizione, che sarà quella nella quale chiuderò questa gara.

DOMENICA (Fasi finali Nitro)

La domenica abbiamo in programma soltanto le prove libere per la finale nitro e la finalissima di 45 minuti. Durante la serata di sabato avevamo fatto alcune modifiche al setup e nelle prove libere ci ritroviamo a doverle purtroppo bocciare tutte in quanto siamo i più lenti in pista e la macchina è risultata difficile da guidare, lenta ed inconsistente sul passo, pertanto decidiamo di partire in finale con gli stessi parametri di sabato sera con la sola differenza delle gomme. In qualifica abbiamo infatti utilizzato per tutta la gara le TYPO supersoft mentre in finale abbiamo optato per le CHAINLINK supersoft, La finale parte con un contatto fortuito che ci relega in penultima posizione, ci mettiamo quindi all’inseguimento e riusciamo a fare 2/3 di gara fra la 6° e la 8° posizione, nell’ultimo quarto d’ora di gara però la macchina era più lenta di quasi un secondo al giro, e perdiamo diverso vantaggio fino a perdere addirittura l’8° posizione. Chiudiamo quindi in nona posizione questo WIR 2016, risultato che ci soddisfa abbastanza e ci consente di arrivare con una buona base di partenza per l’Italian Job race di Gennaio 2017

CONCLUSIONI

Alla fine della gara siamo rimasti soddisfatti della top 10 della categoria scoppio, mentre nella brushless abbiamo trovato un ottimo setup dell’esc che ci consente una buona trazione ed una ottima sensibilità di guida, la gara è servita molto anche per la preparazione all’ITALIAN JOB e soprattutto grazie a questa finale siamo riusciti ad entrare nella TOP50 della ranking mondiale Clicca qua per vederla.

top50rc

photos by Circusrc.com